Stemma Boncompagni Ludovisi

Storia - Proprietari del castello nel tempo - BIBLIOGRAFIA

Il primogenito, invece che viene qualificato con il nome di Pietro, rimase ad abitare a Visso, e diede origine alla linea che si denomina di Foligno, riconosciuta consanguinea da Gregorio XIII nella seconda metÓ del '500, ed i cui esponenti il 2 maggio 1401 furono creati da Papa Bonifacio IX, Conti di Rocca Macereto.

Agnese Borghese, moglie di Rodolfo Boncompagni Ludovisi, alla fine del sec.XIX e nei primi anni del 1900 am˛ e studi˛ molto la storia della famiglia del marito ed a conferma delle tradizioni che dicono i Boncompagni originari di Assisi, trov˛ ivi una antica lapide sepolcrale con il drago Boncompagni.

Papa Bonifacio IX nel suo diploma datato 2 maggio 1401 (VI kal. Maj) (Arch. Ap. Vaticano Regesto Later. N. 89 fol. 12) nomina conti di Rocca Macereto (Visso) i due fratelli Bante ed Apollonio figli di Cataldo Boncompagni ed asserisce essere a conoscenza che i loro primogeniti di lý traevano origine e che, per la loro industria e diligenza, molte di quelle terre erano diventate fertili e feconde, e vi avevano preso dimora molte genti provenienti da altre regioni: Perci˛, a decoro di quella terra, volle concedere ai due fratelli, tale titolo.

Come Ŕ stato detto di tramanda che Giovanni fratello di Boncompagno, figlio del Conte Paolo, andasse ad abitare a Bologna nel 1160 circa e portasse giÓ il nuovo cognome, recando l'insegna del mezzo drago alato d'oro in campo rosso, che divenne poi lo stemma di famiglia.

[ I Boncompagni Ludovisi 01 | 02 | 03 | 04 | 05 | 06 | 07 | 08 | 09 | 10 ]   [ 11-20 ]