Stemma Boncompagni Ludovisi

Storia - Proprietari del castello nel tempo - BIBLIOGRAFIA

Non è specificato però se il Boncompagno, uno dei figli del Conte Paolo, nel trasferirsi a Visso, abbandonò il cognome Dragonibus (Draconibus o Dragoni), per assumere definitivamente quello dei Boncompagni, modificando l'antico stemma della famiglia di provenienza, che recava tre mezzi dragoni d'oro su campo rosso per assumerne uno solo che poneva in campo rosso.

Si ritiene che il cambiamento del nome e dello stemma non sia originato da una decisione specifica del Boncompagno stesso, ma dall'uso comune dell'epoca e dell'abitudine.
La città che gli accolse, più comunemente li chiamò "i Boncompagni" perché figli del Boncompagno, e così l'uso e l'abitudine fecero dimenticare l'antico cognome. L'uso, quindi, generalizzato per tutti i figli nati dallo stesso ceppo determinò il cognome delle successive discendenze.

Il fatto dell'esodo di tutti i figli del conte Paolo (fratello o figlio di Rodolfo) da Assisi senza che nessuno restasse per esercitarne la Signoria od il comando, suggerisce poi, che tale diaspora avvenisse non per desiderio di espansione ma fosse dovuta al fatto che tutti i fratelli fossero costretti a partire con le proprie famiglie per qualche evento specifico probabilmente identificabile in sommossa o lotta di fazione molto comune in quei tempi. Si ritiene, quindi che secondo quanto asserito dagli storici possa essere formata la genealogia visionabile attraverso il seguente link:

Albero Genalogico Famiglia Dragoni Di Assisi

[ I Boncompagni Ludovisi 01 | 02 | 03 | 04 | 05 | 06 | 07 | 08 | 09 | 10 ]   [ 11-20 ]